Archive for the ‘PD Emilia Romagna’ Category

Politiche per la famiglia, Finco: “PD da anni in prima linea a sostegno di famiglie persone in difficoltà”

venerdì, luglio 31st, 2015

di Renato Finco (Segretario Comunale PD Ferrara)

n52706168545_1534142_3711960Leggo la nota comparsa sul Resto del Carlino di Ferrara il 29 luglio a firma del Sig. Rossi, storico e ricercatore, che si erge a “saccente censore” nei confronti del PD locale, soprattutto quando si parla di Vescovo e famiglie “non arcobaleno”.

Mi preme ricordare non solo al Sig. Rossi, forse un po’ distratto, che il Partito Democratico di Ferrara ed il proprio gruppo consiliare in accordo con l’amministrazione comunale, ha ormai da anni avviato una politica per la famiglie e per le classi di cittadini più colpite dalla crisi economica.

L’ Amministrazione Comunale di Ferrara ha sempre posto attenzione nelle politiche di welfare ed in particolare riguardanti LA FAMIGLIA, nonostante i continui tagli al Fondo Nazionale disposti dai diversi Governi che si sono succeduti negli ultimi anni.

In particolare negli ultimi due anni, grazie alla delibera concernente il nuovo Regolamento di Edilizia Residenziale Pubblica ed alla delibera che ha istituito la TASI, l’attuale Amministrazione Comunale di Ferrara si è contraddistinta per un’attenzione particolare per i nuclei familiari numerosi e più deboli ed i 76 alloggi consegnati l’anno scorso.

In questi anni nel nostro territorio regionale, grazie all’azione delle Istituzioni, insieme ai soggetti del Terzo Settore ed ai soggetti privati, si è sviluppata un’ampia, diffusa e qualificata rete di servizi che si fa carico dei bisogni della famiglia anziani compresi, dalla prima infanzia fino alla non autosufficienza, con lo scopo di sostenere i genitori nel difficile compito educativo e per conciliare i tempi di cura e di lavoro.

Alcuni esempi con concreti sono: l’attività dei centri per le famiglie, gli stanziamenti sul il fondo di solidarietà per le utenze acqua, le decine di bambini accolti in esenzione di retta nelle scuole d’infanzia e materne.

Inoltre sul bilancio del comune sono stanziati, ormai da diversi anni, 200.000 euro l’anno per le famiglie in emergenza abitativa (sfratti o esecuzioni immobiliari)

Altro esempio recente: il gruppo consiliare del Partito Democratico, insieme alle altre forze di maggioranza in consiglio comunale ha proposto ed approvato gli emendamenti apportati, in data 26/05 alla delibera comunale PG41897 del 26/05/2015, riferite alle variazioni per il pagamento della Tari ed alle variazioni dell’aliquota IMU, con un sostegno a favore delle famiglie numerose pari a 100.000 euro. Infine è stato creato un fondo a sostegno delle famiglie numerose pari ad 226.000 euro.

Sig.Rossi, prima di dare lezioni di consenso elettorale, è meglio che sia più attento o meno distratto.

Il PD di Ferrara ed il suo gruppo consiliare continuerà a rivolgere la sua azione politica in modo da tutelare le fasce più deboli dei cittadini ferraresi, nonchè di chi cerca il riconoscimento di diritti civili, anche senza i suoi consigli, assumendo con chiarezza e responsabilità le proprie scelte.

Al differenza di chi un giorno dice tutto ed il suo contrario.

Crisi Lavoranti in Legno. Vitellio: “richiamo il senso di responsabilità di tutti gli attori in campo”

mercoledì, luglio 29th, 2015

Il Segretario Provinciale del PD di Ferrara interviene sulla crisi della cooperativa ferrarese

lavoranti_legno“Il Partito Democratico di Ferrara è al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori della cooperativa Lavoranti in Legno: auspichiamo un intervento celere di Legacoop regionale e delle istituzioni” è questo, in sintesi, il messaggio che il segretario dem di Ferrara Luigi Vitellio lancia a sostegno della cooperativa colpita, in questi ultimi anni, da una pesantissima crisi.

“Nei giorni scorsi, assieme al Segretario Regionale PD Paolo Calvano” puntualizza Vitellio “abbiamo incontrato rappresentanze sindacali e la dirigenza della cooperativa, per capire lo stato dell’arte ed eventuali azioni da mettere in campo, per scongiurarne la chiusura. Alla luce di quanto è emerso, auspichiamo un intervento celere di Legacoop regionale e delle istituzioni per definire un’uscita dalla crisi del settore, per valorizzare l’impianto produttivo e delle maestranze della Lavoranti in Legno di Ferrara: siamo orgogliosi del lavoro svolto dalla cooperativa, del suo processo di razionalizzazione e miglioramento della propria capacità produttiva”

“Purtroppo –conclude Vitellio- il futuro così incerto è legato anche all’andamento del mercato che, sicuramente, risente in maniera forte della crisi edilizia: al contempo la grande esperienza della Lavoranti in Legno nel settore degli infissi non deve essere persa, ma assolutamente messa a valore”.

Domenica 3 maggio: Matteo Renzi a Bologna

giovedì, aprile 30th, 2015

renzi3magBODal 21 aprile al 3 maggio 2015 al Parco della Montagnola a Bologna è in svolgimento – per iniziativa del PD di Bologna – una Festa nazionale “straordinaria”, nel cuore della primavera e di Bologna, là dove nel 1951 si svolse la prima Festa nazionale dell’Unità, per celebrare il 70esimo compleanno delle Feste de l’Unità.

Domenica 3 maggio alle ore 16, nella giornata conclusiva della FESTA, si terrà una manifestazione con la partecipazione del Segretario nazionale del PD e Presidente del Consiglio, MATTEO RENZI.

Congresso PD Emilia-Romagna: Primarie il 5 ottobre

mercoledì, giugno 18th, 2014

La direzione del PD regionale ha approvato all’unanimità il regolamento per il Congresso che porterà all’elezione del prossimo segretario del PD emiliano-romagnolo. Le Primarie si terranno domenica 5 ottobre 2014

pderIeri, lunedì 16 giugno, la direzione del Partito Democratico dell’Emilia-Romagna ha approvato all’unanimità il testo del regolamento per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea regionale. Le votazioni si terranno domenica 5 ottobre 2014, dalle ore 8 alle ore 20 e saranno aperte a iscritti ed elettori del PD.
Il termine per la presentazione delle candidature è fissato per le ore 12 di mercoledì 16 luglio. Per candidarsi occorre raccogliere un minimo di 500 e un massimo di 800 firme di iscritti al PD, in almeno 5 province/territori.
Qualora ci fossero più di tre candidature, si procederà con il voto nei circoli PD (dal 12 al 28 settembre) per selezionare i tre nominativi da ammettere alle Primarie.
Sul sito del PD dell’Emilia-Romagna, a questo link, è possibile visionare il regolamento e le norme di autodisciplina a cui dovranno attenersi i candidati e le candidate alla carica di Segretario regionale. Entrambi i documenti sono stati votati all’unanimità.

Terra è futuro: Martina e De Castro a Ferrara

giovedì, marzo 27th, 2014

invito_agricoltura_fronteIl Gruppo PD in Regione organizza, nell’ambito del ciclo di incontri “Emilia-Romagna regione d’Europa”, un appuntamento dal titolo “Terra è futuro”.

Venerdì 28 marzo, alle ore 17.30 a  Ferrara, presso il Centro Congressi (Sala Rotonda) in via Bologna 534, i saluti saranno portati dal sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani.

Presiderà Roberto Montanari, Consigliere Regionale. La Relazione “Programma di sviluppo rurale 2014-2020. Una nuova agricoltura volano di sviluppo per l’Emilia-Romagna” sarà a cura dell’Assessore all’Agricoltura Tiberio Rabboni.

Interverranno imprenditori agricoli, amministratori locali, rappresentanti delle associazioni e delle organizzazioni agricole.

A seguire la tavola rotonda “Coltiviamo una nuova idea di sviluppo. Imprese ed istituzioni a confronto”. Parteciperanno Albano Bergomi, Vicepresidente O.I.Pera Emilia-Romagna; Raffaele Drei, Presidente di Agrintesa; Ruenza Santandrea, Presidente Cevico; Paolo De Castro, Presidente Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo; Maurizio Martina, Ministro dell’Agricoltura. Presiederà Maria Teresa Bertuzzi, Senatrice PD Commissione Agricoltura e produzione Agroalimentare.

Rifiuti. Bratti: “l’Emilia-Romagna non diventerà la pattumiera d’Italia”

giovedì, febbraio 6th, 2014

Dichiarazione dell’on. Alessandro Bratti, responsabile Ambiente del PD dell’Emilia-Romagna

bratti_1_84141“Gli attacchi rivolti da Antonio Di Pietro al piano dei rifiuti dell’Emilia-Romagna sono strumentali e si basano su valutazioni prive di ogni fondamento”. Questo il commento dell’on. Alessandro Bratti, responsabile Ambiente del PD dell’Emilia-Romagna in merito alle dure parole rivolte ieri dall’esponente dell’IdV a proposito della gestione dei rifiuti nella nostra Regione.

“In primo luogo – prosegue Bratti – va ricordato che l’Emilia-Romagna rappresenta un’eccellenza a livello europeo per quello che riguarda il ciclo integrato dei rifiuti, i nostri impianti sono tra i più moderni del continente e competono con quelli delle regioni più avanzate d’Europa, come ho potuto constatare in una mia recente missione con la Commissione Ecomafie nel nord della Germania”.
“Va inoltre rimarcato l’impegno della nostra amministrazione regionale, e in primis del Presidente Errani, nell’attuazione di politiche che seguano le direttive europee in vista di una progressiva riduzione dell’utilizzo delle discariche e dell’incenerimento a favore del riciclo. Una strategia che la Regione ora sta portando avanti confrontandosi con i cittadini, i sindaci e gli Enti Locali”. Cosa che, “voglio ricordare a Di Pietro, non è successa solo nel periodo in cui proprio l’esponente dell’IdV Sabrina Freda era Assessore regionale all’Ambiente”.

Anche all’interno delle politiche nazionali, assicura il responsabile Ambiente del PD Emilia-Romagna, “mi impegnerò insieme agli altri colleghi deputati e senatori affinché ci siano tutte le rassicurazioni possibili sul fatto che la pianificazione regionale sia prioritaria rispetto a qualsiasi scelta fatta a livello nazionale”.

“Ecco perché – conclude Bratti – voglio rassicurare tutti i cittadini emiliano-romagnoli, e anche Di Pietro che improvvisamente dimostra di avere a cuore le sorti della nostra regione, sul fatto l’ Emilia-Romagna così come è successo fino ad ora sarà sempre all’avanguardia sulle politiche ambientali e sulla gestione integrata del ciclo dei rifiuti”.

“La lega ha il naso lungo”

martedì, novembre 9th, 2010

“Il futuro è adesso – Emilia Romagna 2020” programma di sabato 30

sabato, ottobre 30th, 2010

Nell’ambito dell’iniziativa “Il futuro è adesso”, organizzata dalla rete Cambia l’Italia Emilia-Romagna del Partito Democratico a Ferrara nel fine settimana 30-31 ottobre 2010 (presso l’Hotel Carlton, via Garibaldi 93), gli appuntamenti di sabato saranno dedicati all’economia e all’ambiente.

Durante la mattina, alle 9.45 interverranno il Segretario regionale del PD dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e –via video– il Sen. Ignazio Marino. Successivamente, nel dibattito su “Crisi, nuove povertà, economia futura, si alterneranno gli interventi di Sandro Gozi (Deputato PD), Antonio Mumolo (Consigliere regionale), Filippo Taddei (economista), Mauro Ponzi (Presidente del Consorzio “Oscar Romero” di Regglio Emilia) e Maria Luisa Cammarata (componente dell’Assemblea regionale PD).

Nel pomeriggio, alle 15.00 interverrà il Segretario provinciale del PD di Ferrara Paolo Calvano. Il Consigliere regionale Thomas Casadei introdurrà i lavori del dibattito su “Ambiente, energia e territorio” che coordinerà insieme ad Erika Ferranti, Assessore alle attività produttive di Bentivoglio. Parteciperanno al confronto Alessandro Bratti (Deputato PD e Responsabile ambiente ed energia del PD dell’Emilia Romagna), Alberto Bellini (Assessore all’ambiente di Forlì), l’Ing. Andrea Cirelli (responsabile dell’Autorità regionale per la vigilanza dei servizi idrici e di gestione dei rifiuti urbani) e Walter Ganapini (del Comitato scientifico Agenzia europea per l’ambiente).

Nuovi strumenti di governo: la mobilitazione contro i tagli della manovra

venerdì, luglio 16th, 2010

Parte una nuova campagna del gruppo assembleare del PD della Regione Emilia-Romagna e del PD regionale: nuovi strumenti di governo. Un’accetta, una mannaia e un paio di tenaglie sono i simboli dei tagli indiscriminati che il governo mette in atto nella manovra finanziaria 2010. Tagli che, per quanto riguarda la Regione Emilia-Romagna, ammontano a 740 milioni di euro, ovvero 740 milioni di euro in servizi che saranno tolti ai cittadini: 150 milioni in meno per i servizi ferroviari, 60 milioni per l’agricoltura, 30 milioni per la salute, 50 milioni per l’ambiente, 120 milioni per la viabilità, 100 milioni per il welfare, 140 milioni per gli incentivi alle imprese, 90 milioni per la casa. Sono cifre importanti che vanno a toccare la carne viva della gente e ad incidere sulle aspettative dei cittadini rispetto ai servizi messi in campo dagli enti locali.

Il 16 e 17 luglio il PD si mobiliterà anche a Ferrara per comunicare alle persone quali saranno le conseguenze della manovra. Venerdì mattina, 16 luglio, i Consiglieri regionali Roberto Montanari e Daniela Montani, la Presidente della Provincia Marcella Zappaterra ed il Sindaco di Lagosanto e Vicepresidente Anci Emilia-Romagna Paola Ricci interverranno nel merito dei tagli agli enti locali e alle Regioni in conferenza stampa (ore 11.00 presso Hotel Astra, Ferrara).

Sia venerdì, sia sabato il PD sarà impegnato nelle feste (Rivana, Poggio Renatico, Jolanda, Filo, Francolino) e nelle piazze e nei mercati (Ferrara-piazza Trento e Trieste, Pontelagoscuro, Portomaggiore, Copparo, Migliarino, Mesola, Lagosanto e Comacchio) a distribuire materiale informativo grazie al contributo dei Circoli e dei dirigenti e rappresentanti nelle Istituzioni.

28 giugno: “No alla legge-bavaglio” ore 21 p.zza S. Stefano (Bologna)

venerdì, giugno 25th, 2010

La legge sulle intercettazioni rappresenta un’ aggressione senza precedenti a due pilastri dello stato di diritto: l’uguaglianza dei cittadini dinanzi alla legge e la libertà di informazione e di opi­nione.

Le proposte di riforma inserite nel DDL Alfano avranno conse­guenze gravissime sull’organizzazione degli uffici giudiziari e nel contrasto alle diverse forme di criminalità.

Sarà rallentata e ostacolata l’azione della magistratura nel con­trasto alla criminalità mentre gli uffici giudiziari saranno coperti di pratiche burocratiche inutili.

In un’indagine per truffa, ad esempio, non sarà più possibile estrarre il tabulato dell’indagato per dimostrare i contatti avuti con la vittima, perché con la nuova legge il traffico telefonico sarà utilizzabile solo per i reati per i quali è ammissibile l’ intercettazione. Il provvedimento, inoltre, impedirà le intercettazioni per vari reati strettamente connessi alla criminalità organizzata, sarà cioè im­possibile scoprire una mole enorme di reati mafiosi, ai quali si arrivava seguendo reati “spia” (usura, estorsioni, riciclaggio). Inoltre si esclude e si cancella dal nostro ordinamento la nozione di “criminalità organizzata”: una modifica grave che ci riporta indietro di molti anni nella lotta alla mafia.

Se la giustizia non sta bene, l’informazione, da questo provvedi­mento censorio, ne esce peggio.

Il governo, la destra, la Lega Nord mettono a repentaglio il bene dell’Italia intera, sventolando come una bandiera il pericolo sicu­rezza, gridando allo ‘scandalo’ per l’eventualità che le intercettazioni giungano nelle mani della stampa. Ma il governo non si preoccupa dei delitti che non verrebbero mai puniti se questa legge vedesse la luce…(CONTINUA)

(altro…)