Posts Tagged ‘lavoro’

L’Europarlamentare Damiano Zoffoli e i Presidenti di Sipro e Delta 2000 in Sala Arengo tracciano le linee strategiche per lo sviluppo del territorio.

mercoledì, giugno 1st, 2016

IMG-20160527-WA0008-1030x773Si è tenuto nella Sala Arengo del municipio un confronto tematico nell’ambito della campagna SiCura Lavoro lanciata dal PD Ferrara, avente per tema la creazione di sinergie e l’impego ottimale delle risorse per favorire lo sviluppo del territorio. Introducendo l’incontro, la Responsabile lavoro della Segreteria Provinciale PD Ferrara, Sabrina Cherubini, ha evidenziato come la dinamica relazionale tra filiera istituzionale, agenzie di sviluppo e mondo imprenditoriale rappresenti  la chiave di volta per accrescere la capacità competitiva delle imprese e valorizzare la vocazione produttiva di ciascun territorio, favorendo una buona occupazione di elevata professionalità. Una condivisione d’intenti che, come ricordato dall’Assessore Caterina Ferri, è alla base della declinazione territoriale del Patto del lavoro regionale, recentemente presentato alle parti sociali, per realizzare l’ambizioso progetto di fare di Ferrara una città attrattiva per le imprese e accogliente per i suoi abitanti.

L’europarlamentare Damiano Zoffoli ha poi sottolineato che l’impiego delle risorse economiche derivanti dai finanziamento europei non può essere frutto di improvvisazione, occorre partire dai bisogni reali della comunità e del territorio per poi costruire una progettazione efficace e funzionale al tessuto economico locale. A tal fine è essenziale che le modalità di accesso ai fondi di finanziamento europeo siano parte del patrimonio di conoscenze degli amministratori e del management aziendale. Coniugando la sua esperienza da europarlamentare con un passato da amministratore locale (è stato Sindaco di Cesenatico per otto anni n.d.r.) e rilevando come l’Italia non si sia dimostrata tra i Paesi più virtuosi nel catturare le risorse europee, Zoffoli ha voluto dare un contributo alla diffusione delle informazioni con due guide (disponibili on line) una rivolta alle imprese e una agli amministratori locali.

Naturalmente, accanto a una maggiore dimestichezza con le regole, servono anche le capacità di progettare e fare rete, ossia l’expertise necessaria all’analisi del territorio e all’implementazione dei programmi di sviluppo locale, che fa capo alle due agenzie di sviluppo del territorio ferrarese, SIPRO e Delta 2000. I due Presidenti, rispettivamente Caterina Brancaleoni e Lorenzo Marchesini, hanno illustrato l’attività di pianificazione in corso, evidenziando opportunità e potenzialità del territorio per sviluppare sinergicamente alcuni filoni imprenditoriali.

Nelle conclusioni il Segretario Provinciale Luigi Vitellio ha sottolineato  l’ambivalente rapporto con l’Europa: lontana e macchinosa nei suoi meccanismi decisionali e al tempo stesso ormai imprescindibile elemento della filiera istituzionale per quanto riguarda il reperimento di risorse finanziarie. Non è più pensabile, ha affermato Vitellio, tornare ad impostare strategie politiche di crescita pensando ai campanili,  a maggior ragione quando si tratta di concretizzare progetti con il fine di attingere ai Fondi europei. Così come occorre superare una visione di contrapposizione tra il Comune capoluogo e i Comuni della provincia: oggi sempre più si pone con forza il tema della qualificazione e dello sviluppo territoriale, a partire dalla dimensione complessiva di Ferrara, con le sue eccellenze culturali, turistiche, ambientali e naturalistiche. Nell’attuale quadro di contesto non è più sostenibile un ragionamento per settori di appartenenza, essendo decisamente premiante fare squadra e mettere in rete le potenzialità produttive del territorio. Una riflessione, quest’ultima, che chiama in causa anche il tema dell’Area Vasta.

L’assetto istituzionale è fondamentale.

Evidentemente cosi come siamo oggi, anche alla luce della dissoluzione delle Provincie, non siamo pronti nel dare risposte nuove a contesti che sicuramente chiedono grandi cambiamenti. “Piccolo è bello” non funziona più. Ovvero è ancora fondamentale nel preservare e conoscere il “chi siamo”. Ma non è sufficiente per progettare quello che “vogliamo essere”. Non più i localismi, sia nelle istituzioni che nelle imprese. Neppure in “pezzi del territorio” ma in Aree Vaste. Dove le “relazioni”, messe a sistema, producono opportunità diffuse, o almeno “di non esser tagliati fuori”. Noi siamo, per governare i cambiamenti.

Sicura lavoro. Venerdì 27 maggio “sinergie e risorse per lo sviluppo delle imprese del territorio”

mercoledì, maggio 25th, 2016

sicura_lavoroPrendono il via gli incontri di approfondimento sulle proposte del Pd Ferrara sul tema sviluppo e occupazione, presentate nell’ambito della campagna SICURA Lavoro. Il primo appuntamento sarà venerdì 27 in Sala Arengo, alle ore 16.00, e avrà come titolo Sinergie e risorse per lo sviluppo delle imprese del territorio.

L’iniziativa sarà occasione per un confronto sulle strategie utili a sostenere il tessuto imprenditoriale del territorio nel sempre più complesso percorso di crescita e riposizionamento nel mercato, con l’obiettivo di consolidare le aziende rispetto alle sfide poste dall’economia globale.  Ciò esige la capacità di guardare al sistema nel suo complesso, attivando sinergie sia tra i territori, sia tra pubblico e privato, ed ottimizzando il ricorso alle risorse disponibili nell’ambito dei finanziamenti europei.

Interverranno l’Assessore Comunale Caterina Ferri, l’europarlamentare Damiano Zoffoli e i Presidenti delle due Agenzie di sviluppo del territorio, S.I.PRO e Delta 2000, rispettivamente Caterina Brancaleoni e Lorenzo Marchesini.

L’incontro sarà moderato da Sabrina Cherubini, responsabile lavoro del Pd provinciale. Chiuderà i lavori il Segretario provinciale PD Ferrara, Luigi Vitellio.

Al via la seconda fase del progetto SICURA

mercoledì, aprile 27th, 2016

sicura_frontePrende il via la seconda fase di “SICURA – azioni per il territorio”, un progetto che ha come obiettivo la promozione della sicurezza.

Quando si parla di sicurezza si pensa innanzitutto a quella personale, alla possibilità che ognuno di noi dovrebbe avere di sentirsi tutelato dallo stato e dalle istituzioni. Per questo motivo la prima parte del progetto prevede un coinvolgimento della politica, sia a livello nazionale che locale per rendere sempre più efficiente il sistema di protezione dei cittadini attraverso, ad esempio, la garanzia della certezza della pena e un coordinamento efficiente delle forze di vigilanza.

Ma, per essere ulteriormente garantita, la sicurezza ha bisogno di basi solide anche nella sfera del sociale ed è per questo che al centro di SICURA SOCIALE, ovvero questa seconda fase del progetto, sarà centrale il tema del Lavoro. Anche in questo  caso si partirà dai fatti, da  8 azioni concrete volte a rilanciare lo sviluppo e l’occupazione nel territorio ferrarese.

Nella giornata del 1° maggio i volontari del Partito Democratico saranno presenti nelle piazze con dei banchetti per poter condividere questo progetto e le sue proposte con la cittadinanza.

Sul sito internet del PD di Ferrara verrà aggiornata la sezione dedicata al Progetto SICURA dove sarà possibile visionare l’attività amministrativa che scaturirà da questa mobilitazione”

Sarà inoltre possibile partecipare mandando una mail a sicura@pdferrara.it per suggerire un’idea o per dare una mano attiva.

Scarica il volantino

Il calendario delle iniziative

DATAComuneCircoloOrarioLuogoTipo iniziativa
May-01-2016ARGENTAARGENTAporta a porta volantinaggio
May-01-2016ARGENTAANITAdiffusione materiale
May-01-2016BERRABERRA9,30 - 12,30 porta a porta e luoghi pubblicivolantinaggio
May-01-2016BONDENOBONDENO10,00 - 12,00Bondeno - area sede Circolo PD - Viale Repubblica 7banchetto
May-01-2016CENTOCENTO16,00 - 23,00Piazza del Guercinobanchetto
CODIGOROCODIGOROIN FASE DI ORGANIZZAZIONE
May-01-2016COMACCHIOCOMACCHIO9,30 - 12,30Comacchio - Piazza Folegatti banchetto
May-01-2016COPPAROCOPPARO9,30 - 12,30Copparo - piazzabanchetto
Apr-30-2016FERRARAA. Lambertini9,30 - 12,30mercato Viale Krasnodarbanchetto
May-01-2016FERRARABARCO10,00 - 12,00banchetto (Via Bentivoglio 81)banchetto
May-01-2016FERRARAPONTELAGOSCURO18.00P.zza B. Buozziinziativa pubblica
May-01-2016FERRARACONA9,30 - 12,30 / 15,00 - 17,00porta a porta volantinaggio porta a porta
May-01-2016FERRARACentro Cittadino9,30 - 12,30zona antistante ex Zanolinibanchetto
May-01-2016FERRARAPontegradella - Zona Est9,30 - 12,30Torrione S. Giovanni - Porta Marevolantinaggio o banchetto
May-01-2016FERRARAFrancolino9,30 - 12,30IN FASE DI ORGANIZZAZIONEbanchetto e distribuzione garofani
May-01-2016FERRARAPorotto-Mizzana-Casaglia9,30 - 12,30IN FASE DI ORGANIZZAZIONEbanchetto e distribuzione garofani
May-01-2016FORMIGNANAFORMIGNANA9,30 - 12,30BANCHETTO IN PIAZZAbanchetto
Apr-29-2016LAGOSANTOLAGOSANTO9,30 - 12,30BANCHETTO IN PIAZZAbanchetto
OSTELLATOOSTELLATOIN FASE DI ORGANIZZAZIONE
May-01-2016POGGIO RENATICOPOGGIO RENATICOParco I? Maggio - festa del PDbanchetto
May-01-2016TRESIGALLOTRESIGALLO9,30 - 12,30Banchetto (Via Roma 61 angolo Via Grasmci)banchetto
May-01-2016VIGARANO MAINARDAVIGARANO MAINARDAporta a porta volantinaggio porta a porta

Lavoro ed occupazione. Vitellio e Ferri (PD): “puntare sull’autoimprenditorialità”

martedì, aprile 5th, 2016

Approvato l’ordine del giorno del capogruppo democratico a Ferrara.

jobsssssE’ stato discusso ed approvato, nella seduta del consiglio comunale di Ferrara, l’ordine del giorno a firma del capogruppo PD Luigi Vitellio in cui si impegna l’amministrazione a “promuovere insieme a Sipro modalità di accompagnamento di aziende con un potenziale di riqualificazione attraverso azioni di sistema integrate, anche avvalendosi del sostegno di imprenditori leader del settore, che a loro volta siano interessati ad ampliare la loro filiera produttiva”

Un modo, sostiene Vitellio, “per non lasciare da soli i lavoratori di aziende in crisi che vogliono puntare all’auto imprenditorialità, fornendo competenze e strumenti per aiutarli a comprendere al meglio il mercato ed i suoi segmenti produttivi, e creare così nuove imprese e quindi nuovi posti di lavoro”.

Un obiettivo ambizioso, confermato anche dal titolo dell’odg stesso “oltre la crisi”, che però non trova l’unanimità in consiglio comunale attraverso il voto contrario del M5S e l’astensione di FI, Lega, FdI e GOL. “Mi rammarica –conclude il capogruppo PD- che non si sia colto il senso dell’ordine del giorno, si tratta infatti di una proposta concreta di sostegno all’impresa e al lavoro, pensavamo potesse incontrare anche il consenso delle opposizioni, visto che si parla di una misura rivolta a persone che hanno perso il lavoro e cercano di rimettersi in gioco.”

Commenta così l’Assessore al Lavoro, Attività Produttive (Petrolchimico), Sviluppo Territoriale Caterina Ferri: “ringrazio il PD per questo ordine del giorno, perché nonostante i segnali di ripresa, che ci sono anche se timidi, rimane un enorme emergenza legata alle persone che perdono il lavoro, magari over 50, e che non sanno come ricollocarsi. Si tratta spesso di lavoratori con grandi professionalità, che se accompagnati nel modo giusto sono assolutamente nelle condizioni di dar vita a nuove imprese. Il nostro impegno sarà quello di mettere in campo azioni concrete per sostenere queste esperienze. In questa direzione va la scelta di “Lavoro per Ferrara”, il patto per il lavoro cittadino che inizieremo a discutere nelle prossime settimane con i Sindacati, le Associazioni delle Imprese e tutti gli attori del territorio”

Francolino, al via la Festa de l’Unità

martedì, giugno 30th, 2015

festa_bondenoDal 3 al 5 luglio presso l’agriturismo il Conte Pietro a Francolino (Via del Calzolai) si terrà la festa de l’Unità locale. Oltre alla cucina ci sarà uno spazio dedicato a tre dibattiti delicati: lavoro, finanza locale, diritti civili.

Il 3 luglio, alle ore 21, “Jobs Act e riforma del lavoro” con Annamaria Parente (Senatrice pd e vicepresidente commissione lavoro), Giorgio Graziani (Segretario generale Cisl Emilia-Romagna) e Carlo Carnielli (Unindustria Ferrara)

Il 4 luglio, sempre alle ore 21, “Tasse e nuova finanza locale” con Pier Paolo Baretta (Sottosegretario al Ministero dell’Economia), Flavio Tosi (Sindaco di Verona) e Luigi Marattin (Consigliere economico del Presidente del Consiglio)

Il 5 luglio, alle ore 19, “Europa, famiglia e Diritti” con Sergio Lo Giudice (Senatore PD), Damiano Zoffoli (Europarlamentare PD, Luca Morassutto (avvocato) e Chiara Mantovani (Associazione Scienza & Vita)

Un Primo Maggio per costruire lavoro

giovedì, aprile 30th, 2015

di Luigi Vitellio e Sabrina Cherubini


 Mai come in quest’ultimo anno il lavoro è stato al centro dell’agenda politica, non solo di governo. Per tale ragione questo Primo Maggio assume un significato ulteriore, per nulla offuscato ma anzi esaltato dalla coincidenza con l’apertura dell’EXPO di Milano. 

Nel giorno che ricorda le grandi battaglie per i diritti dei lavoratori, il tema del lavoro è declinato secondo una logica di costruzione delle opportunità di lavoro. Sta in questo il punto di svolta di un’azione politica volta a creare le condizioni strutturali affinché ripartano gli investimenti e si amplino le opportunità occupazionali, premesse necessarie per un mercato del lavoro funzionante e non dominato dall’incertezza, in cui sia consentito un rapido ingresso ai giovani, o reingresso a chi ha perso il lavoro. 

Il contesto economico in cui le aziende si sono trovate ad operare negli ultimi anni è mutato con una tale rapidità da non aver concesso il tempo di fronteggiare il cambiamento, se non con misure di emergenza, buone (ma non sempre) per scongiurare crisi ancor più gravi, e tuttavia incapaci di offrire prospettive di miglioramento del quadro complessivo. E’ da questa consapevolezza che muove la riforma del lavoro, che non si limita solo alla revisione di alcuni istituti contrattuali, ma spazia dal riordino delle strutture amministrative alla revisione degli ammortizzatori sociali, e ancora all’ampliamento delle tutele per la conciliazione di esigenze di cura, vita e di lavoro. 

L’obiettivo ultimo è quello di offrire ad ogni lavoratore non soltanto la tutela del singolo contratto di lavoro, ma una garanzia di occupabilità, grazie anche a nuovi strumenti che consentano l’assistenza personalizzata al lavoratore disoccupato nella ricerca di un nuovo impiego, come il contratto di ricollocazione.

Garantire l’occupabilitàtutelare il lavoro stabile, anche nel caso di eventuali transizioni da un rapporto di lavoro ad altro deve inoltre poter tradursi nell’offerta di un’opportunità di crescita professionale, di miglioramento e progressione nel percorso lavorativo, mediante un più efficiente e responsabile utilizzo dei fondi europei per la formazione. 

Ed è infine, soprattutto, la qualità del sistema produttivo ad assicurare la dignità del lavoro: ciò è infatti possibile solo ove il lavoratore, la sua professionalità diventino essi stessi una risorsa. Per questo gli strumenti di incentivazione devono essere spesi in modo mirato e strategico, favorendo l’iniziativa imprenditoriale che investe sull’innovazione e sull’innalzamento della professionalità e della qualità del lavoro, perché è così che si crea occupazione duratura.

L’ossessione della politica sia il lavoro, perché è strumento di cittadinanza: il PD sa che il lavoro non è solo felice opportunità ma anche fatica quotidiana che va risarcita con diritti attuali per i lavoratori attivi e per chi è in cerca di lavoro. Tuteliamo dunque i diritti dei lavoratori e non il posto di lavoro in sé.

Il 1° maggio di quest’anno è non solo una data simbolica, ma segna anche un’assunzione di responsabilità e di impegno per dare risposte concrete a coloro che chiedono dignità e sicurezza nel lavoro.

JOBS ACT: Filippo Taddei a Ferrara

martedì, gennaio 20th, 2015

filippo_taddeiVenerdì 23 gennaio, alle ore 20.45 esatte presso la Sala della Musica in via Boccaleone 19 a Ferrara (vicino al Chiostro della chiesa di San Paolo), Filippo Taddei, responsabile economia e lavoro della segreteria nazionale PD, incontrerà la popolazione e le associazioni di categoria per affrontare il Jobs Act.

L’incontro, organizzato dalla Federazione provinciale del Partito Democratico di Ferrara in collaborazione con il Gruppo Consiliare PD del Comune di Ferrara, muove dall’acceso e appassionto dibattito dei mesi scorsi e dall’avvio recente dei decreti.

Tutto ciò chiede chiarimenti e suscita curiosità che Taddei — Professore di economia incaricato dal segretario Renzi di impostare e in buona parte scrivere il Jobs Act — affronterà in un dialogo diretto col pubblico.

La Costituzione lega la sovranità all’autonomia sociale ottenuta anche attraverso il lavoro: la riforma del mercato del lavoro deve porsi anche in quest’ottica di democrazia.

Jobs act, parte il confronto

martedì, settembre 30th, 2014

jobsParte anche a Ferrara il confronto sul tema della riforma del lavoro, dopo i recentissimi lavori della Direzione Nazionale, con un incontro promosso dall’Unione Comunale del PD di Ferrara e dal Circolo PD di Porotto-Mizzana.

L’appuntamento è previsto per giovedì 2 ottobre, alle ore 21:00 presso il campo sportivo di Porotto (via Petrucci), a cui parteciperanno Raffaele Atti (Segretario CGIL Ferrara), Federico Frattini (Responsabile economia PD Comune di Ferrara) e Alessandra Bergonzoni (Esperta di mercato del lavoro).

Maggiori informazioni sul Jobs Act

Scarica il volantino dell’iniziativa

Ambiente E’ lavoro

martedì, maggio 6th, 2014

iniziativa_petrolchimico_12MAGGIOSi terra’ lunedì 12 maggio alle ore 18:30, presso la mensa del petrolchimico in Piazzale Donegani a Ferrara l’iniziativa organizzata dal PD comunale di Ferrara in vista delle prossime elezioni amministrative, dal titolo “Ambiente E’ lavoro”.

L’incontro vedrà la partecipazione del Deputato PD Alessandro Bratti, della Deputata PD Chiara Braga, dell’Assessore al Lavoro della Regione Emilia-Romagna Patrizio Bianchi e del Candidato Sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani.
Successivamente, attorno alle 20:30, si terrà una cena di autofinanziamento dal costo di € 18.
Per prenotazioni è possibile scrivere all’indirizzo email segreteria@pdferrara.it o telefonare al numero 0532 97 58 91.

Il PD di Ferrara sulla crisi di Mercatone Uno e Tre Stelle

mercoledì, aprile 30th, 2014

trestelleLa lunga crisi economica sta segnando profondamente, anche, la grande distribuzione facendo emergere sempre più un progressivo declino delle vendite e una difficoltà evidente del settore commerciale. L’Unione comunale del PD, che sta seguendo con attenzione l’evolversi della situazione del gruppo Mercatone Uno e Tre Stelle, esprime forte preoccupazione per la condizione che sta interessando centinaia di lavoratrici e lavoratori in Emilia Romagna e a Ferrara.

Alcuni giorni fa, Mercatone Uno – la catena nazionale per le vendite di mobili e arredamenti –  ha annunciato la chiusura di sei negozi e sette punti vendita a marchio Tre Stelle richiedendo la riduzione di circa 250 addetti, di cui oltre la metà nella nostra Regione, come condizione per poter accedere ad un nuovo credito bancario.

Nella città di Ferrara, che viene interessata con la chiusura del negozio del quartiere Doro, rischiano il posto di lavoro 13 addetti, in maggioranza donne.

Per il PD, seppure in base alle dichiarazioni dell’azienda una parte dei dipendenti ferraresi potrà essere ricollocata presso il punto vendita di Via Veneziani, il confronto tra impresa e organizzazioni sindacali rimane la via prioritaria per ricercare soluzioni condivise e risolutive della situazione venutasi a creare. Analogamente si impegnerà per interessare le Istituzioni Locali e per sostenere tutte le azioni e le iniziative che il sindacato stesso vorrà mettere in campo per tutelare gli addetti e favorire, attraverso un serio piano di intervento aziendale, il pieno recupero dell’occupazione oggi messa in discussione.