Tra ironia e serietà l’iniziativa dei Giovani Democratici

L’emozione della “prima volta”: sentirsi responsabili e cittadini fino in fondo

IMG_2027 “Andare a votare richiede un impegno costante: prima è necessario informarsi e anche dopo è importante continuare a partecipare attivamente”, così ha dato il benvenuto Giulia Bertelli (segretaria provinciale dei Giovani Democratici) all’incontro avvenuto il 6 febbrai nella sala dell’ex Borsa. L’iniziativa, organizzata per porre l’attenzione sull’importanza del voto soprattutto dei neomaggiorenni, ha avuto successo nonostante l’assenza giustificata di Enzo Lattuca. Il più giovane candidato d’Italia, infatti, non è potuto intervenire per motivi di salute.

“L’astensionismo – ha dichiarato Anna Lugaresi– non è la soluzione. Il nostro è il ritratto di una generazione che non ha stima nei volti politici ma che crede ancora nel voto soprattutto per i partiti che danno spazio ai giovani, come il nostro”. Durante l’iniziativa è stato proiettato un video realizzato dai Giovani Democratici, una serie di interviste fatte richiedendo ai ragazzi il loro parere sull’importanza del voto. Il video ha messo in evidenza anche le problematiche di chi vorrebbe votare ma non ne ha la possibilità in quanto studente fuori sede o erasmus. Gli ospiti hanno, quindi, risposto all’interrogativo della serata “Io voto perché”: “Io voto perché penso al futuro dei miei figli. Capisco chi sente l’inutilità del voto: queste sono elezioni-ha dichiarato il sindaco Tiziano Tagliani– in cui per metà hanno già scelto gli altri, ma questo deve essere uno stimolo per andare a votare chi è stato il più trasparente”. “Il voto è il sale della democrazia,-ha affermato Vinicio Zanetti (segretario dei Giovani Democratici dell’Emilia-Romagna)-inoltre penso che il successo delle primarie abbia conferito maggiore credibilità al nostro partito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *