Berco, Rossi “ora irrobustire ed ampliare il tessuto imprenditoriale”

di Nicola Rossi (Sindaco di Copparo)

nicola_rossiMi rivolgo a tutti i cittadini, non solo ai dipendenti di Berco spa e alle loro famiglie, perché Berco “da sempre è patrimonio di questo territorio, perché come recita lo slogan che in questi mesi ha accompagnato questa faticosissima vertenza: “La Berco siamo Noi”.

Mercoledì 7 agosto al pomeriggio è iniziata al Ministero del Lavoro l’ultima riunione, e giovedì mattina 8 agosto alle ore 5.30 è stato finalmente siglato l’accordo con la società.

La Berco è salva, si è salvato tutto il gruppo, ricucendo anche il no della Fiom nazionale, all’alba si è firmato. Si è raggiunto con Thyssen-krupp l’intesa unitaria.

Non mi dilungo con la cronaca degli avvenimenti, la stampa locale e nazionale (non mancava giorno che Il Sole 24Ore, giornale di Confindustria, non riportasse un resoconto della vertenza) ha con grande e puntuale presenza riportato le diverse fasi della lunga vertenza.

Voglio invece esprimere la mia soddisfazione di sindaco di un territorio che ha saputo reagire a una situazione drammatica come la vertenza Berco, con grande consapevolezza e passione. Oggi, con i miei colleghi Marcella Zappaterra presidente della Provincia di Ferrara e Vasco Errani presidente della Regione Emilia Romagna, che mai hanno fatto mancare il loro supporto concreto e propositivo, ci diciamo, che non poteva che andare così. Ma quanti dubbi, quante preoccupazioni; lo dico senza timore di sembrare retorico: le moltissime ore e giorni impiegati a seguire la vertenza Berco: a Roma, davanti alla fabbrica, nelle innumerevoli riunioni e incontri in Provincia e in Regione, sono state ore e giorni importantissimi per questo territorio e di grande insegnamento per me, per la mia figura di sindaco. Ho imparato sul campo che governare un territorio vuol dire soprattutto comprendere e assimilare le emozioni dei cittadini, vale a dire di quelli che in determinati momenti della vita hanno problematiche serie o drammatiche.

Voglio stringere in un forte abbraccio tutti i lavoratori Berco e le loro famiglie, la loro tenacia, la loro “lotta appassionata” contro un’ingiustizia come la perdita del lavoro; questo ci deve essere d’esempio per affrontare la crisi economica ancora molto presente sul territorio e deve essere uno stimolo a noi amministratori pubblici a trovare soluzioni che rendano meno fragile la nostra economia locale, non c’e’ solo la Berco.

Il mio impegno sarà proprio nel ricercare soluzioni che possano irrobustire e ampliare il nostro tessuto imprenditoriale, facendomi carico con più forza dei disagi del nostro tessuto imprenditoriale, dalle grandi imprese alle “partite iva”.
La vertenza Berco ha evidenziato in modo netto e inequivocabile la fragilità del territorio, e la firma dell’accordo Berco ha risolto una piccola parte del problema, ma allo stesso tempo ci ha dato consapevolezza che gli strumenti che si possono mettere in campo sono molteplici e più accessibili rispetto a prima.

Perché la vertenza Berco ha portato un altro insegnamento: la consapevolezza della “coesione istituzionale”, la forza, la passione, l’essere determinati e consapevoli che quello che si sta facendo lo si sta facendo per il nostro territorio, per la nostra gente, per il futuro di tutti, ma soprattutto per la dignità di ognuno di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *