Buone Festività a tutte e tutti!

Carissime concittadine e carissimi concittadini,

Quello che sta per concludersi è stato un anno con priorità chiare: la lotta alla pandemia e la ripresa della vita economica e sociale.

La pandemia segna ancora il nostro tempo. Ha provocato dolore, sofferenze, nuove povertà. Ma abbiamo visto risposte solidali, sono emersi talenti e qualità inespresse, si sono accelerati processi innovativi. Siamo
stati spinti a correggere, con misure efficaci, l’inerzia delle dinamiche economiche e sociali innescate dalla crisi.

Siamo ancora chiamati alla prudenza e alla responsabilità: il virus lo si combatte soprattutto con comportamenti adeguati, con le doverose precauzioni, disincentivando i grandi assembramenti sia al chiuso
che all’aperto.

Adesso la sfida è la ripartenza che, per essere efficace, deve vederci capaci di profondi cambiamenti: mutare i nostri stili di vita, dare allo sviluppo una forte qualità ambientale, fare della transizione digitale una leva per migliorare processi produttivi e, al tempo stesso, per migliorare la vita delle persone e delle comunità.

La pandemia ha posto in luce questioni che riguardano i modelli sociali, il rapporto con l’ambiente, il rispetto dei diritti delle persone e della convivenza, una più equa distribuzione delle opportunità: si tratta di temi cresciuti nella sensibilità comune anche in ragione dell’impegno per sconfiggere il virus.

Desidero, ancora una volta, esprimere grande riconoscenza ai nostri medici, agli infermieri, a tutti gli operatori del sistema della sanità che continuano a prodigarsi con abnegazione per curare i malati, per salvare vite.

Il 2022 potrà rappresentare per tutto il Paese, e quindi anche per la nostra città, un anno di grande speranza in cui l’obiettivo sarà costruire le basi per sostenere una crescita capace di promuovere uno sviluppo con forti caratteri innovativi che lo spinga all’avanguardia per sostenibilità ambientale, per capacità tecnologiche e digitali, per equità sociale.

Per Ferrara è fondamentale dare attuazione, nei tempi previsti, al Piano nazionale di ripresa e resilienza in modo da cogliere queste opportunità storiche di innovazione e di crescita.

Lo sottolineo perché nell’ultimo periodo osservo una certa concentrazione della politica locale nell’esibire fasti e maquillage che nascondono in realtà il grande bisogno che ha questa città di intercettare le performance regionali, inseguire gli obiettivi del patto per il lavoro e il clima, recuperare sul terreno delle diseguaglianze territoriali, sociali ed economiche.

«Rimettiamoci tutti a fare con semplicità il nostro dovere», affermava Aldo Moro nel 1944. Per ricostruire sono necessari lo studio, il lavoro, e la stessa politica: «Chi ha da fare della politica attiva la faccia, con la stessa semplicità di cuore con la quale si fa ogni lavoro quotidiano», aggiungeva Moro. E ancora: «Nessuno pretenda di fare più o meglio di questo. Perché questo è veramente amare la patria e l’umanità».

Il Partito Democratico di Ferrara in questi mesi si impegnerà nello studio, nell’approfondimento e nella formulazione di idee, progetti e proposte da candidare ai fondi del PNRR grazie ai quali disegneremo insieme la nostra città proiettata nel futuro.

Auguri dunque di Buon Natale e buone Festività a voi e a tutti i Vostri cari.

Ferrara, lì 24/12/2021
Alessandro Talmelli
Segretario Unione Comunale PD Ferrara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *