Contro la vendita dei beni confiscati alla mafia

niente_regali

Oggi, attraverso il riuso sociale previsto dalla legge 106/96, votata in Parlamento all’unanimità, i beni confiscati alla mafia vengono gestiti dalle associazioni di volontariato che operano nei settori del disagio sociale, dalle cooperative sociali che creano posti di lavoro recuperando soggetti a rischio, dalle organizzazioni che offrono servizi di promozione e crescita civile e culturale alla comunità. Molti altri beni, inoltre, vengono utilizzati dallo Stato come caserme, scuole, uffici pubblici, producendo un notevole risparmio di risorse.

Con l’emendamento proposto dalla maggioranza di centro-destra verrà invece reso possibile vendere tali beni, rinunciando al loro riutilizzo sociale e rischiando addirittura che, attraverso il tramite prestanome, ritornino in gestione alla criminalità organizzata.

Il Partito Democratico di Ferrara con quello dell’Emilia Romagna si mobilitano per sostenere l’appello di Libera. I dati, aggiornati al giugno 2009, vedono 66 beni immobili confiscati nella nostra regione, di questi solo la metà è stata assegnata e 8 sono nella nostra Provincia.

Anche i gruppi consiliari del PD del Comune e della Provincia di Ferrara hanno sottoscritto la petizione di Libera per chiedere il ritiro dell’emendamento alla Finanziaria presentato dal PdL sulla vendita dei beni confiscati alla mafia.

Per leggere l’appello e sottoscriverlo clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *