Dal 23 al 26 Settembre, torna dopo 3 anni la Festa de l’Unità di Ferrara a Pontelagoscuro in Piazza Bruno Buozzi.

Fin dal nostro insediamento, come Segreteria Comunale del Partito Democratico ci siamo posti, l’obiettivo di organizzare di nuovo la Festa de l’Unità a Ferrara: questa esigenza è emersa in maniera forte nei moltissimi momenti di confronto con i nostri iscritti e con le tante persone incontrate nelle nostre numerose visite alle frazioni.

I significati che stanno alla base della scelta del luogo e del periodo sono molteplici e sono nati dal confronto con i Segretari di Circolo e con il Segretario Provinciale PD Nicola Minarelli.

Il 23 Settembre sarà il decimo anniversario della morte di Mauro Cavallini: figura conosciuta, stimata e amata sia a “Ponte” (perché è stato Presidente di Circoscrizione e si è dedicato molto alla comunità) che in Città e Provincia (perché è stato l’ultimo Segretario dei DS fortemente convinto della necessità di fondare il Partito Democratico).

Utilizzando le strutture lasciate da “Ponte in Festa”, realizzeremo la nostra manifestazione in piazza, tra la gente, visibile e riconoscibile ai passanti, in un quartiere fortemente caratterizzato per i nostri elettori poiché storicamente è il quartiere nato per dare una casa ai lavoratori della Montecatini, oggi Polo Chimico di Ferrara.

Qui è nata la Festa dell’Ulivo, tutti ricordano quante persone venivano ad ascoltare i confronti con i maggiori esponenti della politica italiana e a gustare la buonissima cucina.

Ricominciamo da una frazione decentrata, da un quartiere della nostra città, là dove in molti ci hanno chiesto di tornare, là dove c’è la possibilità di ripartire.

E’ così che nasce il titolo della Festa: “Unità per ripartire! In ricordo di Mauro Cavallini”.

Il programma politico che segue ruota attorno a tre assi tematici sui quali intendiamo caratterizzarci: DECENTRAMENTO, LAVORO, SANITA’ e WELFARE.

Giovedì 23 Settembre

  • dalle 17.00 ci sarà l’inaugurazione itinerante della Festa ripercorrendo il tragitto che Mauro Cavallini era solito fare, dove in ciascun luogo ognuno dei partecipanti potrà ascoltare e condividere aneddoti/situazioni/momenti di e con Mauro  partendo dalla sua casa a “Ponte vecchio” in Via Isola Bianca, passando per la palestra comunale simbolo della sua attività in circoscrizione, fermandosi alla sede del Circolo PD di Pontelagoscuro segno tangibile della sua attività politica sul suo territorio, dirigendosi verso il Circolo PD di Barco simbolo di una politica di apertura verso gli altri territori limitrofi e tornando in Piazza Bruno Buozzi dove Roberto Montanari ne farà un suo ricordo e dove il Segretario Provinciale Nicola Minarelli inaugurerà ufficialmente la Festa;
  • alle18.30 avrà luogo un’iniziativa della Segreteria Provinciale sulla Cultura moderata da Davide Nanni con il coinvolgimento degli operatori dello spettacolo dal titolo “Tutto un altro spettacolo: tutele e nuove prospettive per i lavoratori della cultura” con il Sen. Roberto Rampi (Capogruppo PD in Commissione Cultura e Istruzione del Senato) e la Capogruppo PD in Consiglio Regionale ER Marcella Zappaterra.
  • Alle 21, iniziativa interamente organizzata dalla comunità di Pontelagoscuro nella quale si parlerà delle prospettive del centrosinistra riprendendo le riflessioni che furono di Mauro Cavallini dal titolo “La politica come passione, servizio e appartenenza, i partiti come comunità di valori, di idee e di persone. È ancora possibile?” con Gaetano Sateriale, Simone Merli e Ornela Sejdini Vicesegretaria comunale PD Ferrara coordinata da Stefano Lolli.

Venerdì 24 Settembre

  • Dalle ore 19:00 Dj set curato da Arcigay
  • Alle ore 21:00 dibattito dal titolo “PNRR e pandemia. Due sfide da vincere per la nostra salute” con la Sen. Paola Boldrini (vice presidente Commissione Sanità in Senato) e il Prof. Fabrizio Pregliasco (Virologo, dell’Università degli studi di Milano) intervistati da Fabrizio Binacchi Direttore Rai Emilia Romagna

Sabato 25 Settembre

  • alle ore 18.00 lo scrittore romano-ferrarese Paolo Zapparoli presenta il libro “L’Uva d’oro”. Un libro “anomalo” su Ferrara e sui suoi abitanti, insieme a Federico Felloni.
  • dalle ore 19.00 aperitivo con selezione musicale by Tebo Tabo
  • alle ore 21.00 il Presidente della Regione Emilia Romagna STEFANO BONACCINI presenterà il suo libro “Il Paese che vogliamo” intervistato dal caporedattore del Resto del Carlino Cristiano Bendin

Domenica 26 Settembre

  • dalle 10 alle 13 “Agorà Democratiche in piazza”: Previa iscrizione al portale https://www.agorademocratiche.it/  oppure tramite il proprio segretario di Circolo sarà possibile per tutti partecipare ai tavoli tematici coordinati dai componenti della Segreteria Comunale dai seguenti titoli:
    • Digitalizzazione, smart working e start city – Paola Poggipollini
    • Dalle periferie ai borghi: la città arcipelago – Giorgio Scalabrino Sasso
    • Sanità a misura di pazienti, professionisti e territorio – Maria Italia Granata
    • A tutto sport! Trasformare la città, migliorarne la vita – Mascia Morsucci
    • Il futuro sostenibile – Annamaria Pecorari
    • Ripresa del lavoro: guarigione sociale – Sara Manservigi
  • alle 13 termine lavori con gli interventi del segretario regionale Paolo Calvano e del segretario comunale Alessandro Talmelli e “Pranzo delle Agorà” presso il Centro di Promozione Sociale il Quadrifoglio a cui dare adesione per il tramite dei segretari di circolo oppure tramite la mail segreteria@pdferrara.it
  • alle ore 18.00 Incontro con Hugo Aisemberg – dialoga con il maestro di musica e figlio di rifugiati Beatrice Giovannoni
  • dalle ore 19.00 aperitivo con selezione musicale by Paogo Ameschi
  • Domenica alle ore 21:00 live band Goodnight Irene

 

Durante la festa, che avrà luogo nel pieno rispetto delle misure anti Covid, e grazie alla disponibilità dell’Azienda USL di Ferrara saranno presenti operatori sanitari per le vaccinazioni e i tamponi.

Non potevano mancare il favoloso stand gastronomico e bar a cura dei numerosi volontarie volontarie a cui va il nostro più sentito ringraziamento.

Ritorniamo in piazza, tra le persone, incontriamoci nuovamente, riconosciamoci come comunità di valori e di ideali ai quali non intendiamo abdicare: questo è per noi l’unico modo per tornare ad amministrare Ferrara, investendo le nostre energie per costruire un progetto di città plurale, aperta, sostenibile, dove ognuno possa trovare il proprio spazio di vita, di lavoro, di cura e di sviluppo, è questa la città che vogliamo consegnare ai nostri figli.

Alessandro Talmelli

Segretario Unione Comunale PD Ferrara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *