Il PD ed il Forum Cultura in piazza per i 150 anni dell’Unità d’Italia

In occasione della Festa Nazionale per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, il Partito Democratico di Ferrara e il Forum Cultura PD saranno giovedì 17 marzo 2011,  a Ferrara in piazza Trento e Trieste con un gazebo dalle 10 alle 12.30.

Dopo lo straordinario successo ottenuto nel fine settimana appena trascorso, durante il quale il PD ha distribuito in tutta la provincia bandiere tricolore, domani il Forum cultura distribuirà coccarde bianco-rosso-verdi ed una cartolina che richiama le parole del ‘150° anniversario unicità d’Italia’, parole come Repubblica, Costituzione e Tricolore in primis, ma anche Risorgimento e Resistenza, Sindacato e Welfare, Asili nido e Suffragio universale.

Per celebrare la festa d’Italia, il Forum PD chiederà inoltre ai passanti di declinare con una parola, una frase, una citazione la cultura italiana: è questo un modo per attirare l’attenzione su un settore vitale per la nostra società e la nostra economia, ma che viene messo in ginocchio dal Governo nazionale (si ricorda soltanto l’ultimo annuncio di ulteriori 27 milioni di euro tolti al Fus che si aggiungono ai precedenti 50 tagliati dalla finanziaria per quest’anno) e relegato al ruolo di inutile spesa per la finanza.

La cultura in Italia sta vivendo una crisi senza precedenti; ed è una crisi che si ripercuote su ogni cittadino, sulle comunità locali, sul mondo del lavoro, sull’intero sistema produttivo. In una situazione economica generale particolarmente complessa, la cultura paga più di altri settori le difficoltà contingenti: inaridire l’offerta culturale e la vita delle città significa rendere l’Italia più povera.

La cultura è un diritto costituzionale, un diritto inviolabile, che va garantito e tutelato. I 150 anni di Italia sono stati resi possibili anche grazie ai grandi letterati, artisti e studiosi che hanno costruito una cultura italiana che oggi va difesa, valorizzata e celebrata – e non mortificata, tagliata, sbeffeggiata – per costruire un nuovo futuro al nostro paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *