“La primavera dei popoli”: resoconto di un incontro di successo.

Una serata piena di gente quella che, lunedì scorso , all’Arci Bolognesi , è accorsa per vedere il film Viaggio a Lampedusa e accogliere con calore il deputato PD Jean-Leonard Touadi.

L’iniziativa La primavera dei popoli. Cosa sta succedendo nel Mediterraneo? , organizzata dal Partito democratico di Ferrara , ha visto Sandra Carli Ballola, responsabile provinciale diritti e migranti, Giuseppe di Bernardo, regista del film e Jean-Leonard Touadi, deputato, discutere sugli eventi che stanno attraversando il Maghreb e il Medio Oriente.

Il film , girato nel 2010, narra il viaggio che quattro amici compiono a Lampedusa per cercare risposte al fenomeno delle migrazioni . Emerge che l’immigrazione non è un fenomeno passeggero che deve essere fermato ; a leggere la storia e ascoltando le voci degli abitanti appare chiaro che le migrazioni sono un evento connaturato all’essere umano e non si possono fermare.

Lampedusa diviene così un luogo dell’anima : un’isola dalla bellezza sconvolgente , da sempre aperta all’accoglienza dei naviganti, dei viaggiatori che qui si fermavano , si incontravano, ripartivano. Ancor oggi luogo aperto e solidale con i migranti ma lasciato solo ad affrontare una prova che richiede sostegno e scelte nazionali, che non ci sono forse per suscitare ancora una volta l’allarmismo a la paura dello straniero.

Touadi ha sottolineato l’incapacità di questo governo ad affrontare le insorgenze in atto che stanno ridefinendo il profilo politico-sociale dei paesi nostri dirimpettai. Invece di avvalersi della particolare amicizia che lega il nostro premier a Gheddafi per tessere una trattativa incalzante e necessaria ad evitare i massacri e la guerra , Berlusconi ha lasciato passare tempo utile senza che l’Italia fosse in grado di ricoprire alcun ruolo .

Il deputato ha affermato, inoltre , che le politiche messe in atto negli ultimi anni hanno nutrito la formazione di un senso comune in cui l’altro, il debole, il povero è percepito come un nemico, il capro espiatorio dei nostri mali. E sulla paura si è creato il consenso.

Sandra Carli Ballola ha ricordato che le rivolte dei giovani maghrebini , istruiti e disoccupati, richiamano le proteste, di questi mesi , degli studenti italiani e inglesi : è una generazione che chiede di poter costruire il proprio futuro e di poter decidere della propria vita , e per i giovani africani l’Europa rappresenta un sogno di libertà e rivendicano il diritto alla mobilità.

Occorre ,pertanto, mettere in campo politiche lungimiranti in grado di affrontare le trasformazioni in atto senza farsi risucchiare dai pregiudizi e dai luoghi comuni e senza nascondersi i problemi che ci sono. La Germania di Kohl, per esempio, seppe affrontare la caduta del muro di Berlino senza chiudersi in un’ottica difensiva ma lanciando una visione strategica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *