PD Copparo, prioritario tutelare la salute dei cittadini

Il tema “sanità” è uno di quegli argomenti che stimolano l’attenzione della cittadinanza ed è giusto che sia così. Da sempre l’Amministrazione Comunale ed il nostro Partito in particolare ha tra le proprie priorità la tutela della salute dei cittadini e non potrebbe essere diversamente. Le riforme nazionali in materia e la riorganizzazione a livello regionale e provinciale ci hanno visti in prima linea nella difesa della qualità delle prestazioni erogate dal San Giuseppe di Copparo. Per primi, a livello provinciale, abbiamo messo in atto la riorganizzazione con l’apertura della “Casa della Salute Terre e Fiumi”. Un modo nuovo di fare sanità.

L’integrazione con i medici di medicina generale, la continuità assistenziale, la presa in carico del paziente , la sostenibilità, sono un processo irreversibile perché punta sulla qualità e sull’appropriatezza delle prestazioni. Quando le risorse disponibili calano in modo drastico è impensabile che non sorgano problemi. Chi ha la responsabilità di governare ha il dovere di affrontarli e possibilmente risolverli, senza cercare soluzioni miracolose e senza rincorrere esperienze passate ed oggi anacronistiche.
Tutto questa l’attuale amministrazione l’ha fatto, senza precludere nessuna soluzione.
Il ricercare a tutti i costi “il caso” da dare alla stampa non serve a creare quel clima di fiducia e collaborazione indispensabili alla buona riuscita di un progetto innovativo che presenta sicuramente aspetti da migliorare ed atteggiamenti da rivedere. A settembre si chiude il primo anno dall’entrata in funzione della Casa della Salute. È il momento per trarre il primo bilancio, analizzare ciò che funziona e ciò che non funziona, con obbiettività, numeri alla mano, seriamente, senza cercare e senza costruire la notizia che dia visibilità, sintomo di una malcelata ricerca di un consenso che diversamente sarebbe introvabile.
Gli strumenti di partecipazione non mancano e la discesa nell’agone politico, aderendo ai “grillini” della presidente del “comitato” ha di fatto precluso il cammino della consulta della sanità.
Chiedere il ritorno al passato per l’Ospedale di Copparo, non è certamente il guardare al futuro e se si vuole creare il consenso su questioni irrealizzabili, presto nascerà il comitato per l’abolizione delle tasse oppure il comitato per…………
Partito Democratico di Copparo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *