PRIMO MAGGIO: NESSUNA PERSONA SI PUO’ SENTIRE LIBERA SENZA UN LAVORO DIGNITOSO!

Da poco reduci dalla giornata di commemorazione della Liberazione, il primo maggio festeggiamo un altro fondamento della nostra Libertà, il LAVORO, come ci ricorda la nostra Costituzione che alle prime righe dice “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.

Ancora una volta però, ci accingiamo a vivere la giornata del 1 maggio in un clima di preoccupazione ed amarezza. Proprio quando credevamo che la pandemia stesse terminando di produrre i suoi effetti negativi lo scoppio della guerra in Ucraina ha rimesso in discussione le nostre speranze di riprendere una strada di progresso e sviluppo di una società sempre più giusta ed inclusiva.

Crisi delle forniture, delle risorse energetiche e delle materie prime, sanzioni e difficoltà logistiche, chiusura di mercati e ricerca di nuove catene globali di forniture che impattano anche sull’economia del nostro territorio e conseguentemente sul nostro mercato del lavoro.

Con queste premesse nessuna persona si può sentire “LIBERA” senza un lavoro dignitoso.

Queste difficoltà si sommano alle debolezze strutturali della nostra città: continuiamo infatti ad essere il territorio meno sviluppato della nostra Regione e solo il pendolarismo di tanti nostri concittadini determina la tenuta dei livelli medi di reddito.

Il 1 maggio deve essere la festa del lavoro e sarà tale solo quando riusciremo ad eliminare i nostri deficit strutturali.

Il lavoro che nel Petrolchimico, per esempio, si deve misurare con le brutte notizie che arrivano da Marghera e con la mancanza di garanzie sulle forniture delle materie prime. Ferrara deve tornare ad essere attrattiva per fare impresa e si dovrebbero creare tutte le condizioni per sviluppare lavoro di qualità nei nuovi settori che non sono solo quelli della transizione energetica ed ecologica ma anche quelli di una diversa cura della persona soprattutto se fragile cercando di assistere chi si trova in una reale condizione di debolezza, arrivando anche nelle case più decentrate. Una città quindi non chiusa su sé stessa ma aperta e diffusa che dovrebbe pensare in modo diverso. Partendo ad esempio dalle nostre risorse artistiche e paesaggistiche provando a scommettere su un turismo più sostenibile. Una città che allo stesso tempo nel grande mondo del lavoro autonomo dovrebbe favorire la nascita di attività innovative della conoscenza e consulenza. Una città che dovrebbe far crescere le proprie imprese offrendo occasioni di sviluppo e di crescita. Senza lavoro le persone vivono una condizione di emarginazione, ma quando lo trovano deve essere un lavoro dignitoso e sicuro altrimenti è un’altra forma di esclusione dalla società. Ferrara deve andare in questa direzione e noi come Partito Democratico faremo di tutto per fare proposte per indirizzare il dibattito e la discussione pubblica verso questa strada.

Non ci mancano proposte al PNRR, iniziative di confronto e dialogo ed apertura verso gli investimenti per sbloccare situazioni di stallo.

Questo è il nostro augurio ai lavoratori e ai cittadini ferraresi in questa giornata: cogliere queste opportunità e portare Ferrara ad essere la cerniera produttiva tra l’Emilia e la Romagna.

 

Sara Manservigi

Referente Lavoro Segreteria Unione Comunale PD Ferrara

One Comment on “PRIMO MAGGIO: NESSUNA PERSONA SI PUO’ SENTIRE LIBERA SENZA UN LAVORO DIGNITOSO!”

  1. Ottimo articolo. Condivido gli auspici ricordando che per ottenere questo è indispensabile una economia sana, efficiente ed efficace.
    C’è invece chi si augura la chiusura del Petrolchimico pensando, forse per un retaggio di decenni addietro, di ridurre l’inquinamento che ha ben altre ragioni. La realtà dei numeri dice che il Petrolchimico dovrebbe costituire un punto di grande orgoglio per i cittadini non solo perchè al suo interno c’è un Centro Ricerche che costituisce una eccellenza per qualità e dimensioni in tutta Europa, dove si stanno sviluppando con un impegno incredibile di lavoratori e lavoratrici le tecnologie sostenibili dei prossimi decenni, ma anche perchè, con tutte le società coinsediate, rappresenta il primo motore economico della provincia. E’ semplicemente utopia pensare che Ferrara possa reggersi sul solo turismo e il Covid-19 e il conflitto Russo-Ucraino hanno ampiamente dimostrato come sia insistenibile basarsi su una singola attività legata fortemente a fattori geopolitici estremamente volatili e quanto sia indispensabile diversificare il paniere delle attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *