Trivellazioni, come si puo’ stravolgere la realta’

 

di Renato Finco (Segretario Comunale PD Ferrara)

trivellazioniLeggo in una nota del Movimento cinque stelle di Ferrara che secondo loro, il Partito Democratico di Ferrara non riconosce la situazione di emergenza rispetto allo sfruttamento degli idrocarburi sul nostro territorio perché, in sostanza, non ha accettato la loro risoluzione.

Ricordo ai grilli estensi che l’ODG è stato presentato e sottoscritto da tutte le forze di maggioranza in consiglio comunale (PD, SEL e Ferrara Concreta) e che i contenuti sono di netta contrarietà alle trivellazioni per la ricerca di idrocarburi.

Vorrei anche ricordare che, rispetto a questi contenuti, i rappresentanti del movimento in consiglio comunale si sono astenuti dal voto. I fatti sono questi, visibili anche sulla diretta streaming del consiglio comunale.

Inoltre, ricordiamo, il consiglio comunale di Ferrara già nel 2012 ha approvato un odg di contrarietà alle trivellazioni per ricerca idrocarburi.

E’ facile gridare ai quattro venti e promettere quando non si amministra. Come mai il movimento 5 stelle non spiega invece il motivo per cui il comune di Ragusa, amministrato da un sindaco grillino, sebbene in campagna elettorale fosse stata ribadita la contrarietà alle trivellazioni, il 16 giugno scorso abbia concesso il permesso edilizio per le trivelle?

Oppure come mai il Sindaco di Parma in campagna elettorale si era espresso contro la costruzione dell’inceneritore di Iren e ad oggi l’inceneritore è pienamente funzionante?

Per quanto riguarda i tavoli tecnici e di consultazione tali strumenti sono già previsti ed attuati sia a livello regionale che provinciale dalle norme regionali vigenti.

Con questo ribadiamo la posizione già assunta sia dal Comune di Ferrara, sia dal Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, di forte preoccupazione e contrarietà rispetto a queste attività e continueremo l’azione politica di contrasto alle trivellazioni sul nostro territorio sostenendo l’azione politica dei Sindaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *